Il mondo dentro Cortéz

Comments (0) Poesia, Sala Lettura

L’amica brutalità, brandelli
di visione, le distanze e i re avidi
comprimono il caos dentro Cortéz

Sotto un cielo lercio senza stelle
il sogno è nero, già merda
imperitura: storto, cieco Kronos

e l’oro un trucco antico, ricca miseria
– Non volevi i colori nuovi, gli arcipelaghi?
Guadagnarti la grammatica dei maghi? –
Nella calda noia, nella nebbia

delira la forza, ombra deforme
Cortéz è un labirinto della lingua
bestia che balbetta inerme

in un’armatura di nuvole rosse
Nudo sputo di sangue
per sempre in disaccordo con sè stesso

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Powered by WordPress Popup