How godless a nation we have become

Comments (0) Racconti, Sala Lettura

_________how_godless_a_nation_we_have_become_________________________

I didn’t know whether to go or stay. But i stayed indeed. And i kept looking into the bulge of the 13” CRT screen right by the bed on the bedside table that i swore i’d have removed months ago, but i didn’t. And inside the bulge we were writhing like billows, bodies with some kind of grey-tinted apocalypse look, outlines undistinguished, kind of one inside the other, kind of, but instead we were not even embraced, there was a small distance between me and her since we stopped embracing long ago and we looked, right there in that grey-dusted-bulged-old CRT reflection like sketched zombies, thin and out-of-shape and twisted and grey-sick like one of those Schiele sketches. And when we moved, on the reflection there was this curved writhing like holograms inside an interference, we looked like garbage bags.
– Why didn’t you put that away hon.
– I told you i will.
– So she went away didn’t she.
– No she didn’t, i did.
– And why did you?
– I don’t think i want to talk about it
– You know this is not true hon
– Please.
– Do you miss her?
– Please stop.
– …
– …
Still we were almost numb corpses in the grey-dusted CRT bulge. You could see some kind of curved/distorted movement in the reflection, like small convulsions.
– Hey hon
– Hey
– You know…
– ….
– I went visiting your dad yesterday, left him some flowers. I thought they were roses but when i put them on the tomb i found out they weren’t roses at all.
– …
– They were peonies.
– Oh.
I have never been good at comforting people. They’re like: “I have the most godawful life on earth” and i’m always like: “Oh.”.
– And you know what i thought, hon.
– What.
– I thought that i would’ve never made that mistake, to bring peonies and not roses, some years ago. Yes, ok, maybe peonies are even more beautiful and luxuriant and blooming and everything and that pale pink color that looks diffuse and glowing is even sweeter and the scent is different and more acute and intense but that’s not the point hon.
– …
– The point is that in that precise moment i clearly saw that i didn’t care shit anymore whether to bring the right flowers, the flowers that he liked, right there on the white marble tomb that he wanted so precisely like that with the black engraving “and we will see how godless a nation we have become” that he heard in some kind of punk boy-band when he was moaning about democracy and liberty and russia and politics and this kind of stuff that i faked it was interesting but it was not hon. I hated those hate speeches. I hated that mayor sash he wore even during lunchtime and we had to look at it and smile but inside i winced everytime you did that without knowing what you were doing just because he told you to do it hon i winced.
– …
– And today when i forgot to double-check that the flowers where indeed pink roses and not peonies and i bought peonies instead without even asking the florist if indeed they were roses or peonies you know i just took them and—
– Don’t cry.
– I took them and paid with a banknote, you know i think that when you pay something with a banknote is because you care less about what you’re buying, especially with small things that are in some ways more important as gifts as the big stuff and i hated that way he paid with big banknotes everything he paid me, even a cup of coffee or some sweets or candies when i wanted some sweets and now that i look back i see that it was like he had to show me his power and that he was rich every single moment of his life and hon you know what i mean—
– Please don’t tell me
– You know what i mean i mean that—
– Please don’t tell me
– I mean that i don’t fucking miss him anymore honey. I don’t.
– Please, don’t cry. Here, come.
– I don’t miss him. I don’t wanna bring pink tiny roses on his tomb anymore, i don’t give a damn. I needed him but i loathed him, i despised him, i despised that mayor sash, that banknote stuff he used to brag about his social status. I despised him in bed cause he was always thinking about him being a sexmachine and never worried for a single time whether how i was feeling, like in the middle of this bedding, never asked something like are you feeling yourself like a good partner? or something like that because hell no, i felt like i was some kind of ornament, some kind of medal on his jacket, i felt like that because it is how he treated me since we met in high school and i was the fucking most beautiful cheerleader you could ever find around that high school and i gave up all my youth to be with him, to be with his power and only now, after forty and more years, now that i’m just wrinkles and arthritis i came to understand that just
because in some kind of freudian-lapsus way i forgot about his fucking roses
– …
She looked like a dust-ball in the reflection.
We stayed like that for seconds that were not, like, traditional seconds, but more like those seconds you actually feel, like one at the time, like a loud and clear tick that keeps time with your beating and your cold sweat. And then there was that moment when you feel that you don’t have to talk, that words have been the whole time part of the problem and its time to put them away for some time and try to communicate on some deeper incomprehensible level, like vibrations, but i then thought about that italian movie where the journalist at some point would say what the fuck is a vibration—
– I love you hon.
– I love you too.
– …
– …
– …
– …
– I stopped crying.
– I know.
It’s me and my mom, pale and old, on the bed together, still black-and-grey on the CRT bulge. Kind of in the same reflection as before but instead we are embraced now even if we still look distanced from one another in the grey dusted bulge. And you know what i think? That too many years have passed full of pile-of-shit attempts at making something out of your life, some ok, some not, and at the end of everything you cannot help it but going back to the place you originally belong, right there with your ma, waiting for godot on the bedding where forty years before she cleaned you’re ass, and you think ye- i still need my goddam ass cleaned from shit, and whatever. You light a bum and say hell, its a real big mess to put a tiny-pink-godblessed tot in this god forsaken wasteland. Let’s say it clearly and look each other in the eyes and say it loud. Still we do, but it’s a goddam trick, made by whoever bastard was there looking on us. And i hope there was someone because hell, i wanna kick your ass. You don’t make my mama cry like that.

______________________________________________________________________

Traduzione in italiano

Non sapevo se andare o rimanere. Ma sono proprio rimasto. E ho continuato a guardare nello schermo gonfio del CRT 13” proprio accanto al letto, sul comodino, che giurai avrei rimosso mesi fa, ma non l’ho fatto. E nel riflesso del rigonfiamento ci contorcevamo come onde, corpi colorati grigio-apocalisse, lineamenti indistinti, tipo uno dentro l’altro, tipo, ma in realtà nemmeno abbracciati, c’era una piccola distanza tra me e lei dato che avevamo smesso di abbracciarci molto tempo fa e sembravamo, proprio lì nel grigio-impolverato-rigonfio riflesso del CRT come zombie abbozzati da un carboncino, magri e fuori forma e contorti e grigio-schifo come uno di quei disegni di Schiele. E quando ci muovevamo, nel riflesso c’era questa curva contorsione come di ologrammi dentro un’interferenza… assomigliavamo a sacchi della spazzatura.
– Perché non l’hai ancora tolta, tesoro
– Ti ho detto che lo farò.
– Quindi se ne è andata, non è vero.
– No, non lei, io.
– E perché tu?
– Non credo di volerne parlare
– Sai che questo non è vero, tesoro
– Per favore
– Ti manca?
– Smettila
– …
– …
E ancora sembravamo cadaveri paralizzati nel grigio-impolverato-rigonfio riflesso del CRT. Si vedeva una sorta di movimento distorto/curvo nel riflesso, come piccole convulsioni.
– Ei tesoro,
– Ei
– Sai…
– …
– Sono andata a visitare tuo padre ieri, gli ho lasciato dei fiori. Credevo fossero rose ma quando le ho poggiate sulla tomba ho scoperto che non erano affatto rose.
– …
– Erano peonie.
– Oh.
Non sono mai stato bravo nel confortare le persone. Loro tipo: “ho la più orribile vita sulla faccia della terra” ed io tipo: “oh.”.
– E lo sai cosa ho pensato, tesoro
– Cosa
– Ho pensato che non avrei mai fatto quell’errore, di portare peonie e non rose, qualche anno fa. Si, ok, le peonie forse sono anche più belle, rigogliose eccetera e quel colore rosa pallido che sembra diffuso, quasi fosforescente, è anche più dolce e pure l’odore è diverso e più acuto e intenso ma non è questo il punto tesoro
– …
– Il punto è che in quel preciso momento ho visto chiaramente che non me ne importava niente ormai di portare i fiori giusti, i fiori che piacevano a lui, proprio lì sulla tomba di marmo che voleva così precisamente in quel modo con l’incisione nera “and we will see how godless a nation we have become” che aveva sentito in qualche boy-band punk quando predicava sulla democrazia e sulla libertà e la russia e la politica e tutta questa roba che facevo finta fosse per me interessante ma non lo era tesoro. Io odiavo quei discorsi d’odio. Odiavo quella fascia da sindaco che indossava anche durante il pranzo e dovevamo guardarla e sorridere ma io trasalivo ogni volta che tu lo facevi senza sapere cosa stavi facendo soltanto perché lui ti diceva di farlo tesoro, io trasalivo.
– …
– E oggi quando ho dimenticato di controllare due volte che i fiori fossero in effetti rose rosa e non peonie e ho comprato invece le peonie senza nemmeno chiedere al fioraio se fossero rose o peonie sai io le ho prese così e—
– Non piangere.
– Le ho prese e le ho pagate con una banconota, sai penso che quando paghi qualcosa con una banconota è perché ti importa meno di cosa stai comprando, soprattutto con le cose piccole che sono in qualche modo più importanti delle robe grandi e odiavo quel modo che aveva di pagare con le banconote grandi tutto ciò che mi comprava, anche una tazza di caffè o dei cioccolatini o delle caramelle quando volevo delle caramelle e adesso che guardo indietro vedo che era come se volesse mostrarmi la sua potenza e che fosse ricco in ogni singolo momento della sua vita e tesoro lo sai cosa voglio dire—
– Ti prego non dirmelo
– Lo sai cosa voglio dire voglio dire che—
– Ti prego non dirmelo
– Voglio dire che non mi manca più cazzo, tesoro. Non più.
– Ti prego non piangere. Vieni, qua.
– Non mi manca. Non voglio più portare piccole rose rosa sulla sua tomba, non me ne importa nulla. Avevo bisogno di lui ma lo disprezzavo, lo detestavo, detestavo quella fascia da sindaco, quelle banconote che usava per vantarsi del suo stato sociale. Lo disprezzavo a letto perché pensava sempre ad essere una macchina da sesso e non si è mai chiesto per una volta soltanto come io mi sentissi, proprio qui in questo letto, mai mi ha chiesto qualcosa come ti senti un buon partner? o qualcosa del genere perché dio no, io mi sentivo come una sorta di ornamento, una specie di medaglia sulla sua giacca, mi sentivo così perché è così che mi trattava da quando ci siamo conosciuti al liceo e io ero la cheerleader più bella che potevi trovare in tutto il liceo e ho sacrificato tutta la mia giovinezza per rimanere con lui, per stare accanto al suo potere e solo ora, dopo quarant’anni e più, ora che sono solo artrite e rughe ho capito tutto ciò perché in qualche fottuto lapsus freudiano ho dimenticato le sue fottute rose
– …
Sembrava una palla di polvere nel riflesso.
Rimanemmo così per secondi che non erano, tipo, secondi tradizionali, ma più come quei secondi che veramente riesci a sentire, tipo uno alla volta, come un nitido e preciso tick che va a tempo con il tuo battito e il tuo sudore. E poi ci fu quel momento in cui senti che non devi più parlare, che le parole sono state per tutto il tempo parte del problema e che è ora di metterle via per un po’ di tempo e provare a comunicare su un livello più profondo e incomprensibile, tipo vibrazioni, ma poi ho pensato a quel film italiano dove il giornalista ad un certo punto diceva che cos’è una vibrazione—
– Ti voglio bene, tesoro
– Ti voglio bene anche io
– …
– …
– …
– …
– Ho smesso di piangere.
– Lo so.
Siamo io e mia madre, vecchia e pallida, sul letto insieme, ancora grigio-neri sul rigonfiamento del CRT. Tipo nello stesso identico riflesso di prima ma adesso in più siamo abbracciati anche se sembriamo ancora distanziati l’uno dall’altro nel riflesso grigio-impolverato. E sapete cosa penso? Che sono passati troppi anni pieni di tentativi del cazzo a fare qualcosa della tua vita, qualcuno ok, qualcuno no, e alla fine di tutto non puoi far altro che tornare al posto dove appartenevi all’inizio delle cose, proprio li con tua mamma, aspettando godot sul letto dove quarant’anni prima ti ha pulito il culo, e pensi sì- ho ancora bisogno che qualcuno mi pulisca il culo dalla merda, eccetera. Accendi una sigaretta e dici porca merda, è un vero grosso macello mettere al mondo un benedetto-rosa-piccolo bambino in questa terra arida abbandonata da dio. Diciamolo chiaramente e guardiamoci negli occhi e diciamolo ad alta voce. Lo facciamo lo stesso, ma è un cazzo di trucco, fatto da qualunque sia il bastardo laggiù che ci guarda. E spero che ci sia qualcuno perché diamine, ti voglio prendere a calci. Non fai piangere la mia mamma così.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Powered by WordPress Popup