Città/notte

Comments (0) Poesia, Sala Lettura

Il limite
di un giorno artificiale
è il cerchio allusivo
dei neon che metodici
crivellano l’asfalto
Un mondo fuso
e ostinato
con l’obiettivo
di trasmettere la felicità
meccanicamente
Gravita a caso
ciò che resta
dell’immaginazione
oscura materia
per miserabili tristezze
rassegnate e importune
sterili costellazioni
forzate al silenzio
da matematiche certezze
crudeltà assolute figlie
d’impassibili distruzioni

Nel nero accecante
che allarga il sorriso
del buio, l’ultimo spessore utile
del cielo è invaso
dal brulicare immobile
di nuvole in muta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Powered by WordPress Popup